COMUNICATI STAMPA TRIVENETA 2018

COMUNICATO STAMPA/01

Vittorio Veneto 12 gennaio 2017

RADUNO DEGLI ALPINI “TRIVENETO DEL CENTENARIO”

SEZIONE A.N.A. DI VITTORIO VENETO

COSTITUITO E UFFICIALIZZATO IL NUOVO COMITATO ORGANIZZATORE ADUNATA TRIVENETA, IL C.O.A.T. “TRIVENETO DEL CENTENARIO 2018”

Mentre fervono le attività per l’Adunata nazionale del Piave nella quale è impegnata a fondo anche la Sezione di Vittorio Veneto con le consorelle trevigiane, non si poteva dimenticare che la Sezione stessa ha l’onere e l’onore di organizzare ed ospitare l’Adunata degli Alpini del Triveneto in occasione del centenario della fine della Grande Guerra nel 2018.

Il Raduno alpino del Triveneto sarà il 16 e 17 giugno 2018, con decine di migliaia di Penne Nere pronte ad invadere la Città della Vittoria e scrivere un’altra pagina importante di storia di Vittorio Veneto.

E’ stato così costituito nei giorni scorsi il C.O.A.T. (Comitato Organizzatore Adunata Triveneto), il cui organigramma è stato approvato ufficialmente dal Consiglio Direttivo della Sezione. Sarà presieduto dal Presidente Francesco Introvigne. Vice presidente esecutivo sarà Roldano De Biasi, e il generale Renato Genovese (presidente del C.O.A. dell’Adunata Nazionale di Trento 2018) nel ruolo di consulente alla presidenza.

Quindi una serie di professionalità che dovranno seguire tutto il progetto: dalla segreteria, ai rapporti esterni, dal controllo della gestione finanziaria alla logistica e organizzazione dei vari eventi che precederanno il raduno e per le due giornate dell’Adunata, dagli affari legali alla comunicazione e marketing. Un gruppo di lavoro piuttosto ristretto che dovrà coordinare tuttavia un centinaio di volontari dei vari Gruppi che hanno già dato da tempo la loro disponibilità per la riuscita della manifestazione.

Il C.O.A.T., fino ai giorni dell’adunata, si riunirà settimanalmente nella sede della Sezione in Viale Trento e Trieste, per puntuali la pianificazione dell’evento in tutti i suoi risvolti.

Ufficio stampa

Comunicato stampa del 13/09/2017

INTROVIGNE GUIDA GLI ALPINI VITTORIESI ALL’ADUNATA TRIVENETA IN VAL DI CHIAMPO, E IL CLOU SARA’ IL PASSAGGIO DELLA “STECCA”: NEL 2018 TOCCA A VITTORIO VENETO

Sfilata al raduno Triveneto 2017 di Val Chiampo, nel vicentino, domenica prossima 17 settembre, e poi il tradizionale rituale del passaggio della “stecca”. Saranno oltre 350 gli Alpini della sezione Ana di Vittorio Veneto guidati dal presidente Francesco Introvigne, che non mancheranno all’appuntamento che segna la via verso il grande raduno del Centenario, che dal 15 al 17 giugno 2018 sarà proprio ospitato dalla Città della Vittoria.I gruppi della Sezione vittoriese, compreso il Reparto Salmerie, si sono da tempo organizzati con i pullman e con mezzi propri per partecipare in massa all’adunata, ma il clou della giornata, al termine della sfilata, sarà il passaggio della stecca, da Chiampo a Vittorio Veneto, che avverrà tra i due Presidenti delle Sezioni organizzatrici, Vicenza e Vittorio Veneto, alla presenza dei Sindaci accompagnati dal gonfalone delle città. Il tutto seguito da un brindisi generale beneaugurante, che darà il via alla fase operativa del COAT (Comitato organizzatore adunata del Triveneto) di Vittorio Veneto. Il gruppo di lavoro coordinato da Introvigne da tempo ha predisposto i programmi di “Aspettando il raduno del Centenario” e dei tre giorni della manifestazione, che porterà a Vittorio Veneto oltre 100 mila persone, Alpini e simpatizzanti. “Il 2018 infatti è proprio l’anno del Centenario, – conferma il presidente Introvigne – di quel 1918 che, con la vittoria, ha visto nella nostra città la fine della Grande Guerra, un conflitto sanguinario con decine di milioni di morti. Per noi sarà l’occasione straordinaria di celebrare la pace e rendere omaggio ad un corpo, gli Alpini, in cui ci sono le radici più profonde e autentiche della nostra terra, dallo spirito dell’unità nazionale, ai valori che ci hanno reso sempre riconoscibili, l’amicizia, la solidarietà e il senso del dovere, soprattutto nei momenti difficili.

E naturalmente per l’occasione della trasferta a Chiampo, ove riceveremo ufficialmente l’impegno per il raduno del 2018, invito fin d’ora tutti i Sindaci della nostra Sezione a partecipare insieme al sindaco Roberto Tonon ”. Intanto nei prossimi giorni sarà organizzato un incontro per la presentazione ufficiale degli eventi di “Aspettando l’adunata del Centenario” che ha avuto i prologhi sabato 2 e domenica 3 settembre con la rappresentazione a Cison di Valmarino e il raduno alpino al Bosco delle Penne Mozze.

Ufficio stampa

Comunicato del 19/09/2017

DA VAL DI CHIAMPO ARRIVA LA “STECCA” PER L’ADUNATA TRIVENETA DEL 2018, E’ INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA

Alle ore 12:30 di domenica 17 settembre 2017, è iniziato il conto alla rovescia: mancano 273 giorni al 17 giugno 2018, alla Adunata Triveneta del Centenario di Vittorio Veneto. Di fronte ad un nutrito schieramento composto da un plotone di alpini in armi, dal Labaro dell’Associazione Nazionale Alpini affiancato dal Presidente Nazionale Sebastiano Favero e dal Comandante le Truppe Alpini Generale di Corpo d’Armata Federico Bonato, dai vessilli delle Sezioni di Vicenza e di Vittorio Veneto, dai Gonfaloni di Vittorio Veneto e della Città di Chiampo con i rispettivi Sindaci, si è svolta l’emozionante cerimonia del passaggio della stecca affidata alla Sezione di Vittorio Veneto, organizzatrice del grande Raduno Alpini Triveneto dell’anno 2018, anno del Centenario. Il saluto della Città della Vittoria è stato portato dal Sindaco Roberto Tonon. che si è detto particolarmente onorato del privilegio che la Sezione Alpini si è assunta offrendosi per l’organizzazione nell’anno del Centenario. E augurandosi che altrettanto numerosi possano essere i partecipanti che arriveranno in città, l’auspicio comune è che a 100 anni di distanza dalla fine della Grande Guerra la grande adunata alpina, si caratterizzi quale momento di affermazione del valore della Pace, e per questo vissuto e ricordato come il raduno della Pace. Significativo il passaggio della stecca tra Luciano Cherobin, presidente della Sezione di Vicenza e Francesco Introvigne, presidente della Sezione di Vittorio Veneto: si tratta di una artistica penna d’alpino di marmo verde, scolpita con arte e maestrìa da fini scalpellini della val Chiampo. In precedenza una lunga sfilata di tutte le 25 sezioni Alpine del Triveneto per le vie di Chiampo ha riempito di gioia ed emozionato gli oltre 20.000 convenuti. La sezione di Vittorio Veneto al completo con molte centinaia di soci, ha sfilato con le rappresentative dei suoi cori, sollevando l’enorme tricolore sostenuto dagli alpini di Val Lapisina che tanti applausi riscuote. Immancabile ed applauditissimo il reparto salmerie, presente con tutti i suoi quadrupedi. Momenti indimenticabili che saranno vissuti l’anno prossimo aggiundendo nuovi elementi di grande a positiva emozione…mentre prosegue il conto alla rovescia.

Comunicato DEL 30/10/2018

MOMENTI DI SUGGESTIONE ED EMOZIONE CON LE SENTINELLE DEL LAGAZUOI E LO SPETTACOLO TEATRALE “4 COLPI ALLA PORTA”

Sono stati momenti di grande suggestione nel pomeriggio di giovedì 26 a Colle Umberto con la cerimonia di accoglienza delle Sentinelle del Lagazuoi, inserita dal comitato organizzatore del Raduno Triveneto 2018 all’interno degli eventi “Aspettando il Triveneto”.

I figuranti dell’associazione storica, tutti appassionati di storia o rievocatori storici e appassionati di montagna, rigorosamente in divisa d’epoca e con gli scarponi chiodati, sono partiti domenica 22 ottobre da San Pietro al Natisone (Udine) per affrontare la tratta “da Caporetto al Piave”, a 100 anni dalla disfatta di Caporetto e la conseguente ritirata. In un primo tratto accompagnati da alcuni gruppi tedesco-ungheresi, che si sono fermati a Cividale del Friuli, poi il gruppo italiano si è diretto verso il Veneto, dove sabato è arrivato sul Piave, sul Ponte della Priula alla media di 23 chilometri al giorno.

Giovedì hanno effettuato la sosta della penultima tappa accolti davanti al Monumento ai Caduti di Colle Umberto, da tre sindaci e vari amministratori, ma soprattutto da centinaia di alpini dei gruppi della Sezione di Vittorio Veneto, guidati dal presidente Franco Introvigne e dal consigliere nazionale Renato Genovese, e con la presenza dei vessilli delle sezioni di Conegliano e Belluno. A Colle Umberto le Sentinelle del Lagazuoi si sono fermate, ospiti del gruppo collumbertese per partire il giorno seguente alla volta del Piave.

Davanti al monumento una sobria cerimonia, ma sentita, e ricca di contenuti. Resa degli onori ai Caduti e l’ammaina bandiera. Il sindaco di Colle Umberto Edoardo Scarpis nel fare i saluti di casa ha manifestato la soddisfazione personale, e del comune, per avere avuto l’opportunità di ricordare in modo così vero, quanto avvenne 100 anni fa.

Il presidente Introvigne ha richiamato il significato profondo della cerimonia, sottolineando anche l’importanza della partecipazione, mentre il consigliere nazionale dell’ANA, il generale Renato Genovese ha sottolineato l’importanza di un ricordo simbolico di grande spessore e il fatto di una partecipazione in prima file dell’Associazione per non dimenticare la ritirata e l’invasione austroungarica.

Il clou del fine settimana organizzato dal Coat, il comitato organizzatore dell’adunata triveneta, c’è stato domenica pomeriggio 29 ottobre, quando in un teatro Da Ponte davvero stracolmo l’Accademia Teatrale Lorenzo Da Ponte diretta da Edoardo Fainello, ha presentato il secondo appuntamento, di grande spessore culturale: lo spettacolo teatrale “4 colpi alla Porta”, allestito per rievocare e ricordare i tragici momenti della ritirata e quella guerra, dove nei paesi feriti del nostro territorio le conseguenze erano pesanti anche per chi era rimasto: le donne, madri, sorelle, moglie, amanti, anche prostitute. La rappresentazione a cura dell’attrice vittoriese e regista Irene Casagrande, con lei protagonista insieme a Silvia Danieli, Margherita De Luca e Silvio Pasqualetto, ha voluto dare uno spaccato di storia e vita di cento anni fa, e l’emozione è salita alta nel teatro.

comunicato stampa 17 del 27/11/2017

SUCCESSO PER IL PROGETTO “RICORDAMI….NELLE TRINCEE VERSO TRENTO E TRIESTE NASCE L’ITALIA un omaggio ed un impegno per il futuro nel ricordo degli eroi d’Italia ”

Grande successo per la prima parte del Progetto Regionale “Ricordami” inserito nel programma degli eventi Aspettando il Triveneto, organizzato dal Comitato della Sezione ANA vittoriese in avvicinamento al grande appuntamento del Raduno Triveneto Alpini del 3° Raggruppamento che si svolgerà nel prossimo mese di giugno 2018.

Sabato scorso storia, tradizione, cultura e testimonianza sono stati gli argomenti che hanno coinvolto alcune classi di terza della Scuola Media Lorenzo Da Ponte di Vittorio Veneto. Le scolaresche sono state accolte in Piazza Giovanni Paolo I° da una numerosa e qualificata rappresentanza della Sezione, composta tra l’altro da alcuni conducenti del Reparto salmerie e da Mila, Marna ed Orio, tre dei numerosi muli che lo compongono.

Il progetto Regionale “Ricordami” sviluppato dalle Sezioni ANA del Veneto ha trovato infatti positivo riscontro nel reparto che si è sentito particolarmente coinvolto per trattare l’argomento. Soldati e muli sul fronte alpino della Grande Guerra sono in effetti immagini affidate alla storia ed alla memoria, e la prossima ricorrenza del 100° anniversario della fine della Grande Guerra ha dato modo al reparto di descriverne le peculiarità. Poterlo fare, ai giorni nostri, disponendo degli animali e delle loro originarie attrezzature è stata un’opportunità unica ed irripetibile. L’interesse manifestato dagli studenti durante la lezione, molto attenti nel seguire le spiegazioni dei conducenti dei muli, chiamati familiarmente “sconci”, ed in modo particolare i dati storici richiamati dal tenente Graziano De Biasi, ha messo in evidenza la validità degli argomenti trattati.

Le classi sono state quindi affidate alle eccellenti capacità comunicative di Giuliano Casagrande e di Salvatore Bongiorno, guide dell’Associazione Culturale Aregoladarte che ha in capo la didattica del Museo della Battaglia, e che hanno poi condotto la visita al rinnovato museo della Grande Guerra con altrettanto impegno e professionalità.

Le impressioni ricavate dalle considerazioni finali espresse dagli studenti hanno messo in risalto la valenza del progetto “Ricordami” e sono di forte stimolo per proporlo ulteriormente ad altre realtà studentesche.

Ufficio stampa

Fulvio