LA STORIA della SEZIONE

 

cropped-11427322_603108989792003_5772968545348231949_o.jpgFondata nel settembre del 1929 ed ufficialmente iscritta nel 1931, la Seziona A.N.A. di “Vittorio Veneto – Città della Vittoria” ha ormai 79 anni.
Gli iscritti Alpini sono 2.446, i Soci aggregati sono 404. È articolata su 19 Gruppi ed annovera al suo interno 1 Fanfara, 3 Cori, 1 Unità di P.C. ed 1 Reparto Salmerie.
Si estende su un vasto territorio che si adagia sulle colline moreniche ai piedi delle Prealpi del Cadore.

Il Vessillo Sezionale si fregia di tre Medaglie d’Oro al Valor Militare concesse alla memoria di Alessandro e Luigino Tandura, padre e figlio, e di Annibale Pagliarin (vedi biografia e storia in menu).
Alessandro Tandura è stato anche il primo paracadutista militare italiano essendosi fatto paracadutare, nella guerra 15-18, oltre le linee del fronte per organizzare una rete informativa e di resistenza.

La sfilata della Sezione si apre sempre con lo striscione “Vittorio Veneto – Città della Vittoria” a memoria della Vittoria della Guerra 15-18. Per ricordare i combattenti della stessa si è anche assunta l’onere di far sfilare il Labaro della “Associazione Nazionale Cavalieri di Vittorio Veneto” preceduto dallo striscione “Ass. Naz. Cavalieri di Vittorio Veneto – Victoria Nobis Vita – Combattenti guerra 1915 – 1918”.

Vi è anche presente la Bandiera e lo striscione del Bosco delle Penne Mozze , memoriale di tutti i Caduti alpini della Provincia.
Nel 2008 ha inaugurato un monumento “alle Penne Nere” con una fusione in bronzo raffigurante un alpino con il mulo.

La perla che inorgoglisce la Sezione è il “Bosco delle Penne Mozze”, situato nella valle di S. Daniele in comune di Cison di Valmarino. In Esso vi sono poste 4000 Stele a ricordo di altrettanti Caduti Alpini, in servizio, della Provincia di Treviso. Ogni anno alla prima domenica di settembre vi si svolge un Raduno intersezionale per ricordarLi.
Dal 2002, in occasione dell’annuale Raduno al Bosco, è stata posta una stele affinché, apponendovi una targa a memoria, anche tutte le Sezioni d’Italia, sino ad oggi sono 29, possano ricordare in questo Memoriale i loro Caduti.
Il 24 maggio 1998 nel 20° di fondazione dell’AS.PE.M., ha collocato al “Bosco” una Campana votiva, in ricordo di Tutti i Caduti, pur se in parti avverse e diverse, che ogni sera, con i suoi rintocchi, richiama alla memoria il loro sacrificio mentre al suo fianco, dal 2000,vi è un braciere che viene acceso nelle solenni celebrazioni.

Nel 2010, il 26 aprile, la Sezione ha donato agli alpini abruzzesi di Paganica la “Casa degli alpini della Sezione di Vittorio Veneto”. Una struttura prefabbricata in legno, su due piani di 170 mq ciascuno, collaudata per una scossa sismica sino a 7,5 gradi della scala Richter ora adibita a sede Socio Sanitaria, ed ad altri enti di volontariato dotata di tuttigli impianti, fotovoltaico compreso.